Elementi fondamentali di una politica aeronautica svizzera

Zurigo, 20 dicembre 2002 2002/ko

Elementi fondamentali di una politica aeronautica svizzera

Sotto la denominazione

Interessengemeinschaft (IG) Luftverkehr Schweiz
Associazione passeggeri aerei Svizzera italiana
Association suisse en faveur du transport aerien

si raggruppano le associazioni a difesa degli interessi fondamentali dei passeggeri e dei fruitori degli aeroporti di Basilea, Ginevra, Lugano e Zurigo.

L’associazione svizzera a favore del trasporto aereo ha quale scopo di provocare una stretta co-ordinazione delle attività locali al fine di promuovere una politica svizzera coerente in materia di trasporto aereo.

In primo piano figura l’assicurazione di offrire alla Svizzera dei legami aerei internazionali, sia per la qualità che per numero, che risponda ai bisogni del mercato.

Il trasporto aereo deve, in un Paese fortemente orientato verso il commercio estero, essere rinfor-zato e essere sviluppato di continuo al fine di adeguarsi alle esigenze del mercato.

Situazione attuale e rivendicazioni

La Confederazione, in qualità di autorità concessionaria, deve creare le condizioni quadro mi-gliori per uno sviluppo duraturo del traffico aereo da e per la Svizzera.

La Confederazione formula una politica aerea che

riconosca il trasporto aereo di linea e le infrastrutture ad esso legate quale servizio pubblico allo stesso titolo degli altri mezzi di trasporto.
riconosca l’importanza economica fondamentale di questo mezzo di trasporto e promuova attivamente delle condizioni quadro, in particolare per quello che concerne le infrastrutture, che siano favorevoli allo sviluppo delle imprese di trasporto aereo.
non discrimini in nessun modo il trasporto aereo in rapporto agli altri mezzi di trasporto.
vegli sulla pianificazione della sicurezza attorno alle strutture aeroportuali e lasci aperte le possibilità di sviluppo nelle vicinanze di esse.
prenda in considerazione l’importanza di uno spazio aereo svizzero e – se necessario – delle regioni di frontiera tanto quale elemento vitale di un traffico aereo funzionale e ne ottimizzi la sua valorizzazione.

A questo scopo, la Confederazione prende in considerazione le rivendicazioni seguenti:

A) Possibilità di sviluppo

Le aziende svizzere di trasporto aereo concessionate e gli aeroporti nazionali devono disporre di possibilità di sviluppo che permettano loro di rispondere ad una domanda di crescita.

B) Ruolo e funzione degli aeroporti nazionali

La Confederazione stabilisce le condizioni quadro che garantiscano che

la Svizzera disponga ad ogni momento di una rete aerea europea ed intercontinentale efficiente e che risponda alla domanda di mercato.
i raccordi aerei delle diverse regioni economiche svizzere siano assicurati (Arc Lémanique, Espace Mittelland, Greater Zurich Area, Regio Baseliensis e Ticino / Regio Insubrica).
la Svizzera possa disporre di un aeroporto intercontinentale (hub).
C) Operatività degli aeroporti nazionali

Gli orari di apertura degli aeroporti sono fissate di modo che le compagnie concessionate possano offrire delle coincidenze concorrenziali da e verso tutti i continenti e sfruttare la loro flotta in modo ragionevole.

L’operatività degli aeroporti deve essere organizzata tenendo conto dello sviluppo degli abitanti delle zone limitrofe al fine che il minor numero possibile di persone vengano disturbate dai rumori. Per la misura del disturbo sonoro deve essere calcolato prendendo in considerazione l’emissione media del rumore durante le ore di operatività moltiplicato per il numero degli abitanti toccati.

D) Rete degli aeroporti nazionali

Gli aeroporti di Zurigo, Basilea e Ginevra devono essere legati da reti ferroviarie ad alta velocità al fine di ottimizzarne le sinergie.

La stazione ferroviaria dell’EuroAirport Basel e la terza trasversale del Jura devono essere realizzate in modo prioritario.

E) Diversi

I controlli aerei devono essere ottimizzati a servizio dell’aviazione civile. E‘ indispensabile intraprendere delle misure al fine che Skyguide giochi un ruolo essenziale nel quado del „Single European Sky“.

I controlli aerei delle regioni di frontiera vicine agli aeroporti devono essere regolamentate a lungo termine tramite trattati internazionali.