Da Morcote un acuto di rilievo per Lugano-Agno

ASPASI si rallegra della decisione del Consiglio Comunale di Morcote di stanziare un contributo a fondo perso di CHF 200’000.- per l’aeroporto luganese, di fatto l’aeroporto Ticino fondamentale per l’interconnessione del nostro Cantone.

La decisione di ieri sera del Consiglio comunale di Morcote costituisce un segnale forte e coraggioso da parte di un comune le cui finanze dipendono (anche) dall’aeroporto di Lugano. Questa è la dimostrazione di come l’infrastruttura aeroportuale in passato e in futuro sia in grado di generare effetti positivi per l’economia del luganese e di tutto il Ticino. ASPASI auspica che altre realtà seguano l’esempio del Comune rivierasco.

L’Associazione Passeggieri Aerei della Svizzera italiana (ASPASI) ha preso atto con grande soddisfazione della decisione del Consiglio comunale di Morcote, che nella seduta di ieri ha deciso di mettere a disposizione un importo di almeno 200’000 franchi a favore di investimenti nell’infrastruttura aeroportuale. Nella sua risoluzione il Comune afferma che “è consapevole del fatto che una parte considerevole del proprio gettito fiscale è generato da persone fisiche che utilizzano per i propri spostamenti professionali LuganoAirport, sia per quanto riguarda i voli di linea […] sia per quanto riguarda la general aviation. Il benessere economico del Comune di Morcote è quindi direttamente dipendente dalle sorti di LuganoAirport”. Si tratta di una presa di coscienza importante e di un segnale forte nei confronti del resto dell’agglomerato e del Ticino intero. È evidente che l’aeroporto generi impulsi positivi per tutta la regione e il Cantone, ma ad oggi la passività delle istituzioni ne riduce il potenziale.

Nella sua risoluzione il Comune vincola il contributo alla condizione che “in tempi ragionevoli, e meglio entro la fine della corrente legislatura comunale (aprile 2020), venga elaborato un piano industriale, rispettivamente un progetto che vada a migliorare l’infrastruttura aeroportuale”. Questo comprensibile auspicio è ampiamente condiviso da ASPASI che coglie l’occasione per ribadire l’urgenza di trovare una soluzione, in particolare per la tratta su Ginevra ma anche per gli investimenti nell’infrastruttura e nei collegamenti da e verso l’aeroporto. La decisione di Morcote è un nuovo e chiaro appello agli attori coinvolti nella gestione dell’aeroporto di Lugano-Agno: serve concretezza e intraprendenza.

ASPASI auspica che altre realtà possano seguire l’esempio di Morcote e manifestare il proprio sostegno all’aeroporto, rendendo così attenta la politica e l’opinione pubblica sulle dinamiche positive indotte dall’attività aeroportuale nel nostro Cantone e sulla necessità di trovare soluzioni praticabili.

L’impatto dello scalo di Lugano-Agno sarà anche oggetto di una tavola rotonda in occasione della parte pubblica dell’Assemblea ordinaria di ASPASI che si terrà mercoledì 22 maggio 2019 alle ore 18.30 presso la Swissminiatur SA a Melide. Durante la serata il direttore di Lugano Airport SA M. Merlo presenterà il recente studio sull’impatto economico dell’aeroporto commissionato all’Università di san Gallo.